Capodanno Giapponese: Cosa si mangia

Capodanno Giapponese: Cosa si mangia

Dicembre 20, 2018 Off Di Cristina Muggetti

Il Capodanno Giapponese è più sentito che il Natale. Se il Natale prevede brevi festeggiamenti durante la vigilia i primi giorni del nuovo anno sono il momento in cui tutta la famiglia si riunisce per passare insieme del tempo di qualità e riposarsi per affrontare gli obiettivi prefissati per il nuovo anno. Questo periodo viene detto “Oshogatsu” (primo dell’anno) e dura solitamente 2 o 3 giorni.

Capodanno Giapponese Osechi Ryori

Possiamo quindi definire che i festeggiamenti per l’Oshogatsu giapponese sono molto simili ai nostri festeggiamenti natalizi. Una divergenza importante tra queste due feste è che durante il capodanno giapponese anche le mamme e le nonne si rilassano perchè non devono preparare pranzi e cene per tutti i parenti!

La tradizione vuole che le donne giapponesi si organizzino preparando nei giorni precedenti dei pasti che si mantengono per tutti i primi giorni dell’anno. Queste pietanze si chiamano Osechi Ryori (stagione importante); comunemente chiamati anche Osechi sono costituiti da tanti piatti che vengono conservati in dei contenitori in legno laccato, simili alle scatole utilizzate per i bento (pranzo al sacco giapponese) che si chiamano jubako. Questi contenitori sono solitamente molto raffinati, fanno parte del corredo della famiglia e vengono utilizzati solo a capodanno. Vengono impilati uno sopra l’altro e di solito se ne utilizzano dalle 2 alle 4 scatole. Puoi acquistare qui il tuo jubako.

capodanno giapponese Iwai Hashi

Le bacchette utilizzate per mangiare gli osechi durante il capodanno giapponese si chiamano invece Iwai-hashi, vengono avvolte in carta piegata ed ornata con nastri e ideogrammi di augurio. Per costruirle viene utilizzato il legno di salice per la sua flessibilità e la difficoltà a spezzarsi vengono considerate simbolo di buon augurio. Le bacchette sono appuntite da un lato in modo da potersi servire dai jubako e condividere il pasto con la famiglia mentre la parte centrale è più spessa per rappresentare la fertilità. Queste bacchette vengono tramandate di generazione in generazione. Purtroppo non ho trovato le Iwai-hashi su Amazon ma ho trovato questo set di bacchette che potrai utilizzare per condividere il pranzo di capodanno con i tuoi cari. clicca qui e acquista ora.

 

 

Preparazione

La preparazione degli Osechi Ryori è molto complessa e dispendiosa di tempo quindi al giorno d’oggi la maggior parte celle casalinghe giapponesi ne compra una parte nei supermercati e nelle gastronomie. Il prezzo medio per un vassoio è di circa 15 mila yen (circa 120 euro) ma se ne possono trovare di più economici nei combini (piccoli supermarket aperti 24/7). La maggior parte dei giapponesi però, tende a spendere 25-30mila yen a vassoio per avere dei piatti più raffinati per festeggiare al meglio il capodanno giapponese. Ho trovato un libro in formato kindle su Amazon che parla proprio degli Osechi Ryori, attenzione però perchè è in inglese. Puoi acquistarlo qui.

I cibi preparati per gli Osechi si rifanno a credenze di buon auspicio per l’anno nuovo come da indicazione dell’antica tradizione giapponese. Vediamone insieme alcuni.

Kamaboko

capodanno giapponese Kamaboko

Il kamaboko è una pasta di pesce cotta al vapore che assomiglia al surimi. Il kamaboko è formato da strisce di pesce colorato di bianco e rosso, due colori che in Giappone sono sinonimo di buon augurio. Sono colori festivi e celebrativi, si utilizzano in ogni occasione felice: il rosso simboleggia gioia, felicità e protezione dagli spiriti maligni, il bianco invece purezza e santità. I due colori formano l’aggettivo kohaku che si usa per le cose colorate di bianco e rosso come il kamaboko. Puoi acquistarlo qui.

Datemaki

capodanno giapppnese Datemaki

Il datemaki è una frittata simile al tamagoyaki ma dalla consistenza più gommosa per via della presenza di pasta di pesce al vapore (surimi). E’ dolce grazie al mirin e allo zucchero presenti nell’impasto. Puoi acquistare qui l’apposita pentola per preparare questo piatto. Esistono due principali propositi di buon auspicio legati al datemaki.

  • La forma rotonda ha delle indentazioni perchè quando viene arrotolata si utilizza uno speciale tappetino maki a cannette triangolari. Questo lo rende simile ai rotoli antichi di carta dove venivano scritte opere letterarie o dipinti, e quindi rappresentano riconoscimento e soddisfazione per le ambizioni artistiche o letterarie.
  • Inoltre il secondo kanji per datemaki ha a che fare con l’essere “di moda” del famoso vestito del samurai Date Han,  ovvero con il vestirsi bene nei giorni di buon auspicio, richiamando quindi giorni fortunati.

Nishiki tamago

capodanno giapponese Nishiki tamago

Durante il capodanno giapponese l’omelette arrotolata è presente anche sotto forma di nishiki tamago. In questa omelette il tuorlo e l’albume si cuociono separatamente in modo che risalti il contrasto tra il giallo e il bianco simboleggiando oro e argento che portano benessere e prosperità.

 

Kazunoko

capodanno giapponese Kazunoko

Il kazunoko è simile alla bottarga italiana ma si tratta di uova di aringa.  Kazu significa “numero” e “ko” bambini, quindi il suo scopo è quello di augurare fertilità per il nuovo anno. Il kazunoko si trova anche come sushi, sotto forma di nigiri. Ho trovato qualcosa di molto simile al kazunoko su Amazon, si tratta di caviale di aringa, acquistalo qui.

 

Kohaku Namasu

capodanno giapponeseKohaku Namasu

Questo piatto è a base di carote e daikon (rapa giapponese, la trovate anche come rapa “retica”) tagliate a strisce sottili e condite con aceto e zucchero, si può anche decorare con striscioline di yuzu fresco. Puoi acquistare qui il daikon

 

Kuromame

Kuromame

I fagioli neri di soia indicano salute (mame), mangiarli negli osechi ryori durante il capodanno giapponese richiama l’auspicio di buona salute per l’anno a venire. Il colore nero inoltre dovrebbe allontanare gli spiriti maligni. Questi fagioli sono introvabili in europa, molti italiani e giapponesi residenti in Italia se li fanno portare direttamente dal Giappone. Si fanno bollire e si condiscono con zucchero e salsa di soia.

 

Tai – Orata

La Tai e’ una qualità di orata rossa che si trova in Giappone e che può essere cucinata in vari modi: stufata, al forno, alla griglia, ecc. Tai viene collegata alla parola medetai (congratulazioni) che rappresenta un evento favorevole, per questo viene mangiata durante il capodanno giapponese.

Buri

La ricciola alla griglia si mangia come auspicio di crescita professionale perchè questo pesce in giapponese cambia nome a in base allo stadio di crescita in cui è.

Renkon

Renkon

La radice del fiore di loto bollita e condita con aceto e zucchero, è immancabile negli Osechi e prende il nome di Subasu. Si mangia perchè nel momento in cui la si affetta, i “buchi” che fanno parte della radice diventano visibili  e significa che non si incontreranno ostacoli o che ci si può vedere il futuro attraverso i fori.

 

Zoni o Ozoni

Zoni

L’ozoni è una zuppa tradizionale del capodanno giapponese e non può mancare sulla tavola anche perchè i cibi preparati per l’osechi ryori sono freddi e questa zuppa è una calda alternativa. Questa ricetta varia in Giappone da provincia a provincia ma anche da famiglia a famiglia. Ad esempio nelle regiorni del Kanto, Chugoku e Kyushu ha una base trasparente di miso insaporita con brodo dashi di katsuobushi e salsa di soia, mentre nelle regioni del Kansai e dello Shikoku la zuppa è a base di miso chiaro con brodo di alga kombu. Nell’area di Tottori si usa una zuppa di fagioli azuki. Tutte le versioni contengono mochi, gnocchi di riso glutinoso e ingredienti locali, ad esempio in montagna si trovano verdure e tuberi mentre nelle località di mare sono presenti gamberi e frutti di mare. E’ una zuppa che contiene molti segni di buon auspicio e quindi porta molta fortuna.

Ebi e Ise ebi

I gamberi sono una aspetto importante degli Osechi Ryori, rappresentano l’augurio di una lunga vita perchè ricordano gli “anziani”. Vengono cotti su spiedini e conditi con sake e salsa di soia. L’aragosta (Ise ebi) è la versione elegante e non può mancare negli osechi più sontuosi.

Tazukuri

Si tratta di sardine essiccate cotte in salsa di soia. Il significato dei kanji è “campo di riso” e “creare” perchè un tempo le sardine venivano utilizzate come fertilizzante per le risaie. Hanno significato di augurio di raccolti abbondanti e quindi prosperità per il nuovo anno.

Kombu

capodanno giapponese alga Kombu

L’alga kombu è utilizzata in molte preparazioni. Kombu è affiliata con la parola yorokobu che significa felicità, quindi si augura di averne molta nel nuovo anno mangiandola. puoi acquistarla qui.

 

Daidai 

Il daidai è un tipo di arancia amara giapponese daidai vuol dire “di generazione in generazione”.  Augura una prole numerosa per l’anno nuovo. Il daidai viene messo sopra alle torte di riso glutinoso che si offrono agli dei durante il capodanno giapponese. 

Kuri kinton

Le castagne, in Giappone, sono da sempre un frutto che porta fortuna e prosperità. Il loro colore dorato e la dimensione minuta le fa sembrare piccole pepite d’oro, augurando fortuna finanziaria e soldi per l’anno nuovo. Kurikinton è un purè di castagne. Le castagne vengono cotte insieme alle patate dolci giapponesi gialle e condite con zucchero e lo sciroppo delle castagne candite.

Nishime

Nishime

Il nishime è uno stufato di tuberi e radici. Questi ingredienti cotti insieme indicano i legami famigliari e l’augurio di una felice vita armoniosa.

 

Gobo

La radice della bardana si usa molto nella cucina giapponese. Qui, condita con sesamo oppure aceto, si mangia perchè augurio di buona salute e raccolti abbondanti.

Kuwai

La castagna d’acqua cinese produce un tubero che cresce sott’acqua che nasce da una singola radice. Questo viene mangiato durante il capodanno giapponese perchè simboleggia una carriera di successo stabile.

Ikura

Ikura

Le uova di salmone che vediamo sopra al sushi si mangiano nel  capodanno giapponese  condite con la salsa di soia. Le uova sono un segno di fertilità. Puoi acquistarle qui.

 

Hoshigaki

Hoshigaki

Se siete stati nelle montagne giapponesi  tra ottobre e dicembre li avrete visti appesi al sole fuori dalle case. I cachi essiccati, o Hoshigaki sono una delizia invernale ma anche un simbolo di longevità. Li ho trovati su Amazon! Non saranno la stessa cosa ma…eccoli qui!

Toshikoshi soba

Toshikoshi soba

Per concludere i nostri Osechi Ryori parliamo di una pietanza che si mangia la sera del capodanno giapponese. La toshikoshi soba è composta da spaghetti di grano saraceno di lunghezza spropositata per simboleggiare un augurio di lunga vita. Infatti non va tagliata con le posate ma spezzata coi denti nel momento in cui si mangia. La pasta di grano saraceno è anche conosciuta per la sua capacità di sopravvivenza a condizioni climatiche avverse. Si dice inoltre che la soba porti denaro perchè la farina veniva usata per raccogliere i residui di lavorazione dell’oro. Viene servita in brodo di dashi con l’aggiunta di ingredienti quali la tempura, cipollotti ecc. Per acquistare la soba clicca qui.

Otoso

Otoso

Durante il capodanno giapponese si beve, e anche parecchio! L’otoso è un sakè speziato che anticamente si utilizzava per curare malanni. Non ho trovato questo particolare sakè su Amazon ma in alternativa ho trovato questo che ha un incarto molto carino. L’otoso è un sakè speziato che anticamente si utilizzava per curare malanni.