Carta di credito o contanti? Come pagare in Giappone

Carta di credito o contanti? Come pagare in Giappone

Novembre 27, 2019 Off Di Cristina Muggetti

Uno dei dubbi che assale tutti i viaggiatori è di sicuro il come pagare in Giappone. Che carte sono accettate per i pagamenti, dove si può prelevare, quanti contanti portarsi?

In questo articolo rispondo a tutte queste domande.

 

Che moneta si usa in Giappone per pagare?

2000 yen pagare

Per pagare in Giappone la moneta che si utilizza è lo yen (si pronuncia “en”). Si trovano in circolazione le monete da 1, 5, 10, 50, 100 e 500 e le banconote da 1000, 2000, 5000 e 10000. In genere se ti presenti a pagare con una banconota da 2000 i giapponesi potrebbero fare una faccia stupita. Questa banconota è molto rara ed è difficile che ti capiti in mano soprattutto in Giappone. Quando cambi la valuta in Italia, invece, è molto più probabile che riceverai tagli da 2000 yen.

Visto i numerosi tagli in moneta ti consiglio di partire con un borsellino o portafogli capiente oppure con un portamonete comodo. Quando si armeggia con i soldi di altri paesi può risultare difficile riconoscere ad occhio le monete.

Se vuoi fare un cambio veloce a mente quando sarai in Giappone per capire a grandi linee quanto costa un prodotto basati sul fatto che 1000 yen sono circa 8€. Ovviamente il cambio oscilla in continuazione quindi per avere il cambio preciso ti consiglio di controllare online.

 

Carte di credito e bancomat accettati

MasterCard Visa COme pagare

In genere vengono accettati tutti i circuiti di carte e bancomat con preferenza di Visa e Mastercard. Non metteteci la mano sul fuoco però. Qualche volta non è possibile pagare con la carta soprattutto nei locali, ristoranti, alberghi più piccoli e nelle città più piccole.

Io personalmente mi sono trovata ad Hakone durante il mio scorso viaggio a cercare di pagare il ryokan (l’albergo tradizionale giapponese) con una carta Visa Postepay e una carta di credito Mastercard senza riuscirci perché le carte non risultavano funzionanti. Meno male che siamo previdenti e avevamo con noi un po’ di contanti in più. 

Per sicurezza, in ogni caso, ti consiglio di portare con te una o due carte di credito o bancomat che girano su circuiti diversi se possibile. In questo modo potrai utilizzare l’altra se una non dovesse funzionare.

Una cosa importante da fare prima di partire è quella di contattare la propria banca e verificare che la carta sia abilitata per pagare e prelevare all’estero. Nel caso non lo sia è sufficiente richiedere l’attivazione. In ogni caso ti consiglio di far presente alla tua banca che partirai per il Giappone, in questo modo non rischi che la tua carta venga bloccata per operazioni sospette.

 

Dove prelevare e con quali carte

ATM 7eleven 7bank pagare in Giappone

Io consiglio di prelevare nei conbini (piccoli supermercati aperti 24/7) 7-Eleven che riportano il cartello ATM all’esterno. Questi combini dispongono appunto di uno sportello dove è possibile prelevare.

Con Postepay classica (Visa) non abbiamo mai avuto problemi. Fai però attenzione alle commissioni che potrebbero essere piuttosto alte. Per prelevare 250€ (il massimo consentito a prelievo) avevo una commissione di circa 5€.

E’ possibile anche prelevare negli uffici postali, qualche volta però l’operazione è disponibile solo durante gli orari di lavoro in Italia. Altre volte gli uffici postali, soprattutto delle piccole città, hanno orari limitai.

 

Meglio partire con qualche soldo in più

pagare yen

Quindi i pagamenti con la carta di credito o bancomat non si è certi che vengano accettati. Prelevare ha delle commissioni molto elevate. La soluzione che resta è il caro vecchio contante.

Il mio consiglio è: porta con te un po’ di contanti in più.

Non preoccuparti per la sicurezza, almeno non in Giappone. In Giappone anche se perdi un portafogli pieno di soldi ti verrà restituito. Sempre che lo trovi un giapponese. Basta fare un po’ di attenzione e non perderli tutto sommato.

Per un viaggio di due settimane io consiglio di partire con circa 500 – 800 euro a persona da utilizzare per spostamenti, cibo, vari biglietti di entrata  e souvenir.

 

Dove cambiare la valuta

cambio valuta aeroporto Giappone come pagare

Per esperienza personale ti consiglio di evitare i piccoli uffici di cambio nelle città e negli aeroporti italiani perché fanno un cambio poco vantaggioso.

Per il mio scorso viaggio ho cambiato alla mia banca e mi sono trovata molto bene. Se non sei sicuro/a del cambio che ti propone puoi sempre controllare online prima di andare a cambiare gli euro in yen. Calcola di fare l’ordine un paio di settimane prima della partenza in modo da essere certo di avere i contanti prima di partire. Puoi anche scegliere un periodo in cui il cambio è particolarmente vantaggioso.

Il luogo più vantaggioso di tutti per cambiare è all’aeroporto in Giappone. Tutti lo consigliano, ma non ci ho ancora provato. Il mio pensiero è che più procedure riesco a fare in Italia più avrò tempo libero da godermi in Giappone. Anche se effettivamente andare in un ufficio di cambio una volta arrivati all’aeroporto non è così dispendioso in termini di tempo.

 

Sei senza contanti e non riesci a prelevare in Giappone?

Hai finito di pranzare e vuoi pagare con la carta di credito ma il ristorante in cui sei non le accetta. Provi a prelevare al primo conbini disponibile ma la tua carta non sembra funzionare.

Non andare nel panico.

C’è una soluzione anche a questo problema e si chiama Western Union. Questo servizio ti permette di inviare e ricevere denaro in ogni parte del mondo. Ti basterà contattare qualcuno in Italia e farti mandare un po’ di soldi utilizzando questo servizio.

 

Potrebbe interessarti anche…

Capsule hotel? Dove dormire in Giappone?

Harajuku, il quartiere delle mode giovanili

Asakusa, il quartiere più antico di Tokyo

Shinjuku, il quartiere di Tokyo che non dorme mai

Shibuya, il quartiere dei giovani

Akihabara un quartiere da otaku

5 giorni a Tokyo, itinerario di viaggio

Kyoto, cosa vedere in 4 giorni

Libri sul Giappone per organizzare un viaggio

Quartieri di Tokyo descritti in breve