Come funziona la scuola in Giappone

Come funziona la scuola in Giappone

18 Dicembre, 2019 Off Di Cristina Muggetti

La scuola in Giappone è veramente efficiente, basti pensare che il 99% della popolazione giapponese è alfabetizzata. Vediamo insieme come funziona e le differenze che potrebbero esserci con il sistema scolastico italiano.

L’anno scolastico

scuola in Giappone studenti prof

L’anno scolastico nella scuola giapponese inizia ad aprile e finisce a marzo, ci sono 6 settimane di vacanze durante l’estate, due settimane per il capodanno e 2 settimane tra la fine e l’inizio dell’anno scolastico successivo. Le lezioni si svolgono dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 15:30.

 

5 cicli scolastici

scuola giappone bambini giappoensei

Possiamo distinguere 5 diversi cicli di studi molto simili ai nostri italiani con la differenza che le elementari in Giappone durano un anno in più mentre le superiori 3 anni.

  1. Yōchien (Scuola materna) dai 3 ai 6 anni.
  2. Shōgakkō (Scuola elementare) dai 6 ai 12 anni.
  3. Chūgakkō (Scuola media) dai 12 ai 15 anni.
  4. Kōkō (Scuola superiore) dai 15 ai 18 anni.
  5. Daigaku (Università) o Senmongakkō (Scuola professionale) in genere con una durata dai 2 ai 4 anni.

La scuola dell’obbligo in Giappone dura dai 6 ai 15 anni. Quindi durante la scuola elementare e media non sono previste ne tasse di iscrizione ne nessun tipo di costo aggiuntivo. In questi cicli vengono insegnate le materie fondamentali come il giapponese, la matematica, l’inglese, la scienza la musica e l’educazione fisica. Durante le medie gli studenti fanno le prime gite scolastiche.

Dopo ma scuola media in Giappone i ragazzi non sono obbligati a frequentare le superiori, tuttavia il 99% di loro proseguirà gli studi. L’ammissione al liceo sarà più difficile in base al tipo di scuola scelta.

 

L’inferno degli esami di ammissione

scuola giapponese esami

La prova più difficile da superare nella scuola del Giappone è quella di superare gli esami di ammissione, ad iniziare da quelli del liceo. Gli esami sono in genere scritti e quasi mai orali e sono spalmati sull’arco dell’anno, non esistono esami finali.

Una volta finite le superiori il 70% dei liceali giapponesi tenta l’ingresso all’università. Le grandi aziende in genere, cercano laureati tuttavia il 97% dei liceali che cerca subito lavoro lo trova seppur a tempo determinato. Per superare l’inferno degli esami gli studenti iniziano a prepararsi per l’esame di ammissione all’università anche anni prima. Solo il 53% di loro verrà ammesso e potrà accedere all’università. Chi non supera subito gli esami spesso passa tutto l’anno a studiare per ritentare l’ammissione l’anno successivo. L’università dura dai 2 ai 4 anni.

Altri studenti ancora scelgono di seguire dei corsi professionali che durano 2 anni e in cui imparano a svolgere un lavoro specifico.

 

Le uniformi

uniforme scuola giappone

Le uniformi sono obbligatorie nelle scuole medie e superiori ed in alcuni istituti anche nelle scuole elementari ed ogni istituto ha la sua. Sono diverse per maschi e femmine. Tradizionalmente la divisa maschile era molto simile alla divisa militare: di colore blu con collo alto e grossi bottoni in ottone. Quella femminile, anch’essa blu, comprendeva una gonna a pieghe alla marinaretta.

Al giorno d’oggi le scuole stanno modernizzando le loro divise per renderle più comode e belle e prevedono giacca e cravatta per i maschi e gonna scozzese e maglioncino con fiocco per le ragazze.

 

Attività scolastiche

scuola giapponese pulizie

Oltre allo studio delle classiche materie i ragazzi giapponesi partecipano a delle attività diverse durante la scuola. Innanzitutto provvedono alle pulizie e al riordino della loro aula e delle aree comuni della scuola. In ogni classe vengono formati dei gruppi che a turno puliranno l’aula e le zone della scuola che vengono utilizzate. Le pulizie vengono fatte da bambini e ragazzi nella scuola giapponese delle elementari, delle medie e delle superiori. Nella scuola giapponese infatti non esistono bidelli.

In alcune scuole i ragazzi si prendono cura anche di un piccolo orticello o di qualche animaletto da cortile.

Spesso anche il pranzo viene servito dagli studenti stessi. Durante la pausa pranzo sono gli stessi studenti che servono i compagni direttamente in classe. Nelle scuole elementari è un ottimo modo per far apprendere ai bimbi i fondamenti della nutrizione.

Le lezioni durano dalle 8:30 fino alle 15:30, finito questo orario gli studenti possono frequentare altre attività all’interno della scuola che vengono chiamate club. Questi possono essere di attività sportive o anche di cucina, di giardinaggio, di musica, di cinema ecc.

Durante l’anno scolastico vengono anche organizzati molti festival sportivi e culturali all’interno della scuola dagli studenti stessi.

 

Attività extrascolastiche

scuola giapponese juku

Moltissimi studenti frequentano dei corsi supplementari che in genere si svolgono nel tardo pomeriggio e alla sera per prepararsi agli esami di ammissione imminenti. Questi corsi si chiama juku e vengono frequentati anche da bambini delle elementari. Possono durare anche fino alle 11 di notte e gli studenti li frequentano soprattutto per l’enorme pressione imposta dalla competizione presente nella scuola del Giappone.

 

La pressione nella scuola del Giappone

scuola giapponese diploma

La competizione che viene creata dagli esami difficilissimi e sempre presenti nella scuola giapponese crea fenomeni di bullismo. Gli studenti che prendono i voti più bassi ne sono le vittime e può capitare che a volte si isolino a scuola e, se le pressioni continuano, all’isolamento dalla società (hikikomori).

Il motivo della nascita di queste pressioni è legato al fatto che il Giappone è un paese che tiene più conto del curriculum scolastico piuttosto che delle effettive capacità personali.  Nonostante tutto il 97% dei laureati che cerca lavoro viene assunto.

C’è però da dire che la scuola in Giappone è una delle migliori al mondo e offre delle strutture scolastiche di livello altissimo dalle elementari fino all’università.

 

Potrebbe interessarti anche…

Capsule hotel? Dove dormire in Giappone?

Harajuku, il quartiere delle mode giovanili

Asakusa, il quartiere più antico di Tokyo

Shinjuku, il quartiere di Tokyo che non dorme mai

Shibuya, il quartiere dei giovani

Akihabara un quartiere da otaku

5 giorni a Tokyo, itinerario di viaggio

Kyoto, cosa vedere in 4 giorni

Libri sul Giappone per organizzare un viaggio

Quartieri di Tokyo descritti in breve

Odaiba, l’isola artificiale di Tokyo