Elettrodomestici giapponesi più utilizzati

Elettrodomestici giapponesi più utilizzati

9 Febbraio, 2019 Off Di Cristina Muggetti

Per quanto riguarda l’elettronica e gli elettrodomestici, i giapponesi sono un popolo che riesce sempre a stupire noi occidentali. Quando pensi di avere avuto un’idea innovativa, cerca online, ci sarà di sicuro un prodotto giapponese già in commercio con le stesse funzionalità di quello che hai immaginato. Con questo non voglio dire che noi italiani ed occidentali abbiamo una visione limitata del progresso tecnologico, semplicemente sono i giapponesi che hanno una capacità inventiva fuori dal comune.

Sono certa che alcuni degli elettrodomestici giapponesi che vi mostrerò oggi siano già conosciuti e, ormai, diventati di uso comune anche in alcune case italiane. Ma sono altrettanto certa che altri vi lasceranno a bocca aperta e che non appena ne conoscerete l’utilizzo non vedrete l’ora di averlo a casa vostra per provare a vivere come un giapponese. Almeno per me è stato così. Ma bando alle ciance, iniziamo!

 

Il cuociriso

CuocirisoQuesto è uno degli elettrodomestici giapponesi per la cucina che ormai si può trovare in molte case italiane. Al giorno d’oggi siamo costantemente a dieta, e si sa la cucina giapponese è una delle più bilanciate al mondo. Non in tutte e regioni d’Italia è possibile mangiare abbastanza pesce quanto lo si mangia in Giappone per via dei prezzi e della reperibilità di pesce fresco, il riso è acquistabile da chiunque. Inoltre l’avvento dei ristoranti giappo-cinesi all you can eat ha spinto molti italiani a cimentarsi nella preparazione del sushi fai da te.

E cosa c’è di più comodo e pratico di questo marchingegno?

Cucinare il riso per sushi in pentola richiede una preparazione ben precisa che potrebbe essere eccessivamente dispendiosa di tempo per la maggior parte dei lavoratori italiani che si preparano il pranzo al sacco tutti i giorni. Con questo strumento basterà aggiungere il riso e una quantità di acqua doppia alla dose del riso (es.500 g di riso = 1 l acqua) e aspettare il tempo necessario perchè cuocia. E via il gioco è fatto! Non ci sarà bisogno di controllare ne di spegnere il fornello, il cuociriso procederà in autonomia. Ce ne sono di diverse capienze così potrete sceglierlo in base al numero di persone della vostra famiglia. Se vuoi acquistarne uno, quello che ti consiglio lo trovi qui.

 

 

La piastra per i takoyaki

elettrodomestici giapponesi piastra takoyakiI takoyaki, sono delle polpettine rotonde di pastella fatta con una particolare  farina di grano, con all’interno dei pezzetti di polpo , cotte su particolari piastre e condite con salsa otafuku e katsuobushi (fiocchetti di tonno essiccati). Sono un famoso streetfood giapponese e si possono acquistare in delle apposite bancarelle sulla strada. Vederli preparare è molto interessante, vengono cucinati su apposite piastre formate da tante rientranze a forma di sfera. Viene versato l’impasto negli stampi della piastra, viene aggiunto il polpo e viene ricoperto il tutto con altra pastella. Lo spettacolo più spettacolare da osservare durante la preparazione è il momento in cui vengono girati perchè i cuochi sono molto abili e veloci nell’eseguire questo procedimento. Di recente ho scoperto che è possibile anche prepararli a casa acquistando le apposite piastre. Ce ne sono di vari prezzi quella che mi è sembrata più adatta e con un prezzo non troppo elevato è questa, clicca qui.

 

 

Il bollitore

alettrodmestici giapponesi bollitore in ghisaUno degli elettrodomestici più tradizionali giapponesi è sicuramente il bollitore. Il motivo della sua diffusione in moltissime case giapponesi è dovuto al fatto che tutti gli abitanti del Giappone bevono il tè. Quindi il bollitore è uno strumento di cui il giapponese medio non può proprio fare a meno. Ne esistono di molti modelli e quelli più spettacolari i tradizionali bollitori in ghisa che hanno la conformità di quelle che noi definiremmo teiere. Ci sono anche i moderni bollitori che si possono trovare un po’ in tutto il mondo, ma se siete intenzionati ad acquistarne uno il mio consiglio ricade sicuramente su quello della foto, lo trovi qui.

 

 

La vaporiera

elettrodomestici giapponesi vaporieraUn’altro tra gli elettrodomestici giapponesi che viene utilizzato molto nel paese del sol levante. Come abbiamo detto per cuociriso, la cucina giapponese è una delle più bilanciate al mondo. Cucinare i cibi al vapore, soprattutto le verdure, permette di mantenere le sostanze nutritive presenti nel cibo il più intatte possibile senza intaccarne l’apporto dei micronutrienti. Inoltre il sapore delle verdure resta originale in quanto cuocendo al vapore non occorre aggiungere condimenti particolari. Il consumo di alimenti cotti al vapore è particolarmente indicato a chi segue una dieta dimagrante. Se vuoi provare a cucinare al vapore ti consiglio di cliccare qui. 

 

 

La griglia per yakiniku

elettrodomestici giapponesi girglia per yakinikuQui si va più sullo specifico, tra gli elettrodomestici giapponesi questo è uno di quelli che secondo me non dovrebbe mai mancare in casa però non so come la pensino i giapponesi. Lo yakiniku è un piatto giapponese a base di carne alla griglia. Si pone al centro del tavolo un piccolo barbecue solitamente alimentato a carbone (vedi foto) e vi si appoggiano sopra delle fettine di vari tipi di carne precedentemente tagliate. Una volta cotta la carne viene intinta in una salsa apposita o in salsa di soia ed accompagnata con verdura e riso. E’ un cibo conviviale che viene mangiato in compagnia di persone care per passare del tempo insieme mangiando, chiacchierando e…bevendo. Lo yakiniku si accompagna solitamente con un buon bicchiere di birra fresca. Non pensavo ci fosse ed invece si può acquistare su Amazon. Io corro subito ad acquistarla e tu? Clicca qui.

 

 

La piastra e la pentola per il sukiyaki

elettrodomestici giapponesi tutto per il sukiyakiIl sukiyaki è un piatto di origine giapponese a base di fettine sottili di carne di manzo. La carne viene fatta cuocere lentamente insieme a verdure e altri ingredienti in una pentola con all’interno una miscela di salsa di soia, zucchero e mirin. Quando gli ingredienti sono cotti vengono intinti in uova sbattute e poi gustati. Il sukiyaki è un piatto tipicamente invernale e viene consumato dai giapponesi durante le feste di fine anno. Questo piatto infatti consente ai partecipanti alla cena di avere più tempo per parlare mangiando con calma tutti insieme intorno al tavolo.

Quando tutti gli ingredienti stanno bollendo con la salsa si aggiungono le verdure a foglia verde. Si rompe poi un uovo crudo in ogni piatto e vi si aggiunge salsa di soia. Carne e verdure vengono immerse in questa speciale salsa prima di essere mangiate. Si consiglia di tenere separati carne e noodles perchè il calcio contenuto nei noodles tende ad indurire la carne. E’ ora possibile mangiarlo anche qui da noi in Italia acquistando gli strumenti appositi su Amazon. Puoi avere uno di questi elettrodomestici giapponesi anche a casa tua clicca qui.

 

 

Il washlet

Quando si parla di elettrodomestici giapponesi di sicuro il washlet è quello più utilizzato. I giapponesi non possono fare a meno di questo strumento che, oltre a servire per le funzioni corporee, offre un’igiene intima notevole. L’aspetto di questo WC tecnologico è molto simile ad un normale sanitario occidentale ma dispone di numerosi optional. L’accesso a questi optional avviene attraverso un pannello di controllo installato a fianco del sanitario o sulla parete vicina, in questo modo si possono trasmettere i comandi al sedile.

Come funziona?

Questa consiste in un ugello grande quanto una matita che fuoriesce da sotto all’asse rilasciando un getto di acqua calda per l’igiene intima. Solitamente questi elettrodomestici giapponesi dispongono di due modalità: una è specifica per la pulizia dell’ano (tasto con il disegno delle natiche)  mentre l’altra per l’igiene delle parti intime femminili (tasto con figura femminile di colore rosa).

Di solito lo stesso ugello viene utilizzato per entrambe le modalità, modificando solo l’angolatura del getto, ma se ne possono trovare anche con due. L’ugello non tocca mai il corpo e dopo e prima dell’utilizzo si autopulisce. Il pannello posto di fianco al sedile da la possibilità di scegliere quale modalità attivare e dispone di un sistema di rilevamento della pressione sul sedile stesso. Questo sistema è stato integrato per rimediare alle problematiche riscontrate coi primi modelli. Infatti sono molte le persone che premendo i tasti per provarne il funzionamento (ma senza sedersi) ricevevano uno spruzzo d’acqua sulla

Funzionalità

Alcuni modelli di questi elettrodomestici giapponesi dispongono di braccioli pensati per aiutare gli anziani a tornare in posizione eretta. Altri dispongono di una funzione rallentante del coperchio della tazza per evitare rumori sgradevoli e in alcuni si chiude automaticamente dopo un certo lasso di tempo. Un’altra funzione permette di eliminare rapidamente gli odori rilasciando un deodorante all’ozono mentre un meccanismo autopulente permette di mantenere il sanitario pulito.  Il sedile riscaldato è presente anche nei bagni giapponesi che non sono dotati di bidet e spesso diventa una funzione indispensabile nelle case che non dispongono del riscaldamento centralizzato.

Una modalità di risparmio energetico permette al washlet di accendersi solo in orari specifici grazie alla memorizzazione dei momenti in cui viene solitamente utilizzato. Alcuni modelli si illuminano al buio, sono dotati di aria condizionata o di dispositivi che emettono effetti sonori e musica di sottofondo e si utilizzano per coprire i rumori causati dalle funzioni corporali.

I modelli più moderni ed avanzati tra questi elettrodomestici giapponesi danno la possibilità di azionare e controllare il washlet tramite un applicazione smartphone collegata con bluetooth. E’ anche presente un sensore di movimento che rileva se la persona è di fronte o di spalle per decidere se alzare il coperchio soltanto o anche l’asse. E’ già disponibile all’acquisto un washlet portatile che si deve caricare con acqua calda prima dell’uso mentre è ancora in fase di sviluppo un prodotto che si possa guidare con comandi vocali.

Utili anche in campo medico

Fin dall’inizio degli anni duemila hanno aggiunto ai a questi innovativi elettrodomestici giapponesi  anche dei sensori medici.Infatti danno la possibilità di misurare il livello di glucosio nelle urine, le pulsazioni cardiache, la pressione sanguigna e la percentuale di grasso corporeo dell’utente. Gli studiosi puntano, inoltre, a non interferire con la vita quotidiana dell’esaminando, inviando i dati direttamente ad un computer di uno studio medico tramite uno smartphone con collegamento ad internet. In questo modo il paziente potrà ricevere automaticamente le cure più adatte senza la necessità di un contatto diretto col medico.

Ne esistono vari modelli con differenti prezzi. Lo vorresti anche tu a casa tua? Ora si può! Clicca qui.

 

 

Potrebbe interessarti anche…

Bagni giapponesi. Toilette ed Onsen

Gadget Giapponesi per una casa Giapponese

Gadget Giapponesi per la Cucina

5 Gadget Giapponesi di cui non potrai più fare a meno