Gyoza, Storia, ricetta e preparazione

Gyoza, Storia, ricetta e preparazione

Febbraio 19, 2020 Off Di Cristina Muggetti

I gyoza sono i classici ravioli che troviamo sia nei ristoranti cinesi che giapponesi. Andiamo a scoprire insieme le origini, le cotture e la ricetta di questo interessante e gustoso piatto della cucina asiatica.

Le origini dei gyoza

gyoza e ramen

La parola giapponese gyoza deriva da gia oze ed è scritta come si scrive in cinese. La derivazione della parola fa capire la vera origine di questo piatto.

Dopo la seconda guerra mondiale, i soldati giapponesi che ritornavano dalla Cina portarono con loro la ricetta dei gyoza.

La differenzia sostanziale tra i gyoza in stile giapponese e i jiaozi cinesi è la presenza notevolmente più elevata dell’aglio che è quasi assente nei jiaozi. Inoltre i gyoza giapponesi, ormai prodotti quasi totalmente con l’aiuto di macchinari, risultano avere una pasta più sottile rispetto ai classici jiaozi cinesi lavorati a mano.

 

Le varie preparazioni

gyoza bolliti

I gyoza vengono generalmente serviti accompagnati dalla salsa tare a base di soia condita con aceto di riso e olio di peperoncino. La ricetta più comune comprende una miscela di carne di maiale trita, cavolo, erba cipollina, olio di sesamo, aglio e zenzero. Tutti questi ingredienti vengono poi avvolti in un pasta sottile.

I gyoza potrebbero essere definiti simili ai pierogi e agli involtini primavera e possono essere bolliti, fritti o cotti alla piastra.

I gyoza fritti vengono spesso serviti come contorno nei ristoranti di ramen. Il metodo di cottura più popolare è quello alla piastra, in questo caso i gyoza prendono il nome di yaki gyoza.

In questo caso il gyoza viene cotto prima su un lato per fare in modo che la pastella risulti croccante da un lato. Dopodiché si aggiunge dell’acqua e la padella viene chiusa con un coperchio finché la parte superiore del raviolo sarà cotta al vapore.

Un metodo di cottura particolare è quello degli age-gyoza ovvero i gyoza vngono prima bolliti e poi fritti nel grasso bollente. E’ uso comune acquistare i gyoza surgelati al supermercato, bollirli e poi friggerli in padella.

 

In Giappone ti consiglio di mangiarli da Gyoza Lou ad Omotesando, vicino ad Harajuku.

Ricetta degli Yaki Gyoza

yaki gyoza

Ingredienti

  • 200g cavolo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cipollotto
  • 30 sfoglie per gyoza
  • 150g macinato di maiale
  • 1 cucch.ino olio di sesamo
  • 1 cucch.ino salsa di soia
  • 2 cm zenzero (facoltativo)

Per la salsa:

  • 2 cucch. salsa di soia
  • 2 cucch. aceto di riso
  • 1 cucch.ino olio al peperoncino la-yu chilli

Preparazione

1.Inizia con lo sbollentare il cavolo fino a quando non si intenerisce. Scolalo e taglialo a pezzetti. Taglia finemente l’aglio, il cipollotto e lo zenzero.

2.In una ciotola, mischia le verdure con il macinato di maiale e aggiungi l’olio di sesamo e la salsa di soia, sempre mischiando bene. Cerca di usare carne e verdure in pari quantità. Lascia riposare per qualche minuto, così che la carne si insaporisca al meglio.

3.Ora puoi iniziare a preparare i gyoza. Tieni una sfoglia sul palmo di una mano e appoggia al centro un po’ di ripieno. La quantità di ripieno adatta è pari a circa un cucchiaino. Inumidisci le dita e bagna i bordi della sfoglia, così da poterla sigillare al meglio.

4.Piega la sfoglia a metà e pizzicane i bordi, ripiegandoli a modi ventaglio. La base dei ravioli deve essere piatta e il bordo deve essere pieghettato. Puoi anch utilizzare uno stampo come questo.

5.Riscalda un po’ d’olio in una padella e trasferiscili appoggiandoli in modo che il lato piatto sia a contatto con la padella. Cuoci a fuoco alto fino a quando la base non sarà croccante e dorata.

6.A questo punto, per completare la cottura, aggiungi un bicchiere d’acqua alla padella. I gyoza devono essere sommersi solo per metà. Chiudi con un coperchio e cuoci a fuoco medio.

7.Cuoci fino a quando l’acqua non sarà del tutto evaporata e assicurati che la base sia ben croccante.

8.Prepara la salsa mescolando la salsa di soia con l’aceto di riso e l’olio al peperoncino La-Yu. Servi i gyoza con il lato croccante rivolto verso l’alto e con la salsa a parte.

 

 

Potrebbe interessarti anche…

Capsule hotel? Dove dormire in Giappone?

Harajuku, il quartiere delle mode giovanili

Asakusa, il quartiere più antico di Tokyo

Shinjuku, il quartiere di Tokyo che non dorme mai

Shibuya, il quartiere dei giovani

Akihabara un quartiere da otaku

5 giorni a Tokyo, itinerario di viaggio

Kyoto, cosa vedere in 4 giorni

Libri sul Giappone per organizzare un viaggio

Quartieri di Tokyo descritti in breve