Mochi. Storia, ricetta e preparazione

Mochi. Storia, ricetta e preparazione

Marzo 26, 2019 Off Di Cristina Muggetti

Il mochi è un dolce della tradizione giapponese che è composto principalmente da riso glutinoso. Questo viene pestato e tritato fino ad ottenere una pasta bianca, morbida ed appiccicosa. A questa pasta viene poi data la classica forma tonda. Il mochi è un dolce caratteristico delle festività di capodanno ma si può gustare durante tutto l’arco dell’anno.

mochi 1Il mochi può essere gustato da solo però viene anche utilizzato come base per la preparazione di molti dolci giapponesi come il daifuku, un mochi ripieno di marmellata di fagioli rossi, o lo yomogi mochi, insaporito dalle foglie di artemisia.

La composizione del mochi è simile a quella del Nian gao, una torta cinese tipica del capodanno. Anch’essa è composta da farina di riso glutinoso però questa torta viene cotta una seconda volta dopo la realizzazione. Il nian gao ha, per questo motivo, una consistenza più compatta rispetto alle torte di mochi giapponesi.

Puoi trovarli già pronti QUI

 

 

Preparazione

La tradizione vuole che il mochi sia preparato in una cerimonia caratteristica chiamata mochitsuki. Durante questa cerimonia il riso viene messo a bagno e poi cotto, viene poi pestato in un mortaio di grandi dimensioni detto usu con un martello in legno chiamato kine.

mochi mortaioCi vogliono due persone per compiere questo tradizionale procedimento. Il primo addetto pesta col kine mentre il secondo ha il compito di girare e umidificare il mochi. Ci vuole moltissima coordinazione per eseguire questa manovra, non ostacolarsi ne farsi male a vicenda. La pasta collosa ottenuta viene tagliata e modellata ad ottenere delle piccole sfere.

Al giorno d’oggi la cerimonia del mochitsuki viene riservata ad eventi eccezionali proprio per la sua laboriosità. Per la produzione di mochi vengono, ormai utilizzate macchine automatiche che sono in grado di triturare ed impastare il riso in poco tempo ed in modo super efficiente.

Li hai provati al tè verde matcha? CLICCA QUI

 

 

Il dolce assassino

Il mochi è il dolce tipico che viene mangiato a capodanno. Ogni anno succede che diverse persone muoiano perchè mangiano questo dolce. Le vittime sono in particolar modo anziani e bambini.

Il motivo di questo è dovuto alla consistenza dei mochi gommosa ed appiccicosa. Se questi dolci non vengono masticati con cura e vengono inghiottiti possono fermarsi in gola e provocare il soffocamento.

Secondo i media giapponesi il 90% delle persone finite in ospedale a causa di questo dolce è composto da over 65. Ogni anno si verificano problemi di questo tipo. Proprio per questo le autorità giapponesi, nel mese di dicembre, diffondono più messaggi che invitano a mangiare solo mochi tagliati in pezzi più piccoli.

Nonostante gli avvertimenti però, continuano a verificarsi decessi ed incidenti legati ai mochi. A cavallo tra il 2014 e il 2015, il numero delle vittime ha raggiunto il picco, con ben nove morti ‘da mochi’. Nel 2016 c’è stato un decesso, mentre nei giorni scorsi i morti sono stati due, con diverse persone ricoverate.

 

Ricette dei Mochi

 

Ingredienti

500g di Mochiko (farina di riso glutinoso che, a volte, viene chiamata farina di riso dolce)

3 tazze di Zucchero

1 barattolo di Latte di cocco

1/2 barattolo di Latte condensato (è utile per rendere i mochi più dolci e consistenti)

1 tazza e mezza d’Acqua

Qualche goccia di Colorante Alimentare (preferibilmente rosso)

Katakuriko (fecola di patate) (è possibile sostituirlo con l’amido di mais)

 

Procedimento

  1. Setaccia la farina di riso (mochiko) in una terrina grande e poi aggiungi lo zucchero.
  2. Aggiungi il latte di cocco. Non girare ancora.
  3. Aggiungi l’acqua e qualche goccia di colorante per alimenti.
  4. Inizia a mescolare lentamente con una frusta, finché il composto risulterà senza grumi. Preriscalda il forno a 230°C.
  5. Rivesti la tortiera con un foglio di alluminio (sia il fondo che i lati) per poi oliarla.
  6. Dividi l’impasto in tre tortiere diverse, ricoprendole con fogli di alluminio oliati. L’alluminio non deve toccare l’impasto.
  7. Lascia che cuociano in forno per 1 ora appoggiando le tortiere sul ripiano centrale del forno.
  8. A fine cottura, togli le tortiere dal forno e lascia che si raffreddino per un’altra ora.
  9. Poi scoprine una, togliendo il foglio d’alluminio.
  10. Spargi un po’ di katakuriko (fecola di patate) sul piano di lavoro e capovolgi la tortiera, lasciando l’impasto sulla superficie.
  11. Rimuovi molto lentamente il foglio di alluminio e fai molta attenzione perché sarà estremamente appiccicoso.
  12. Taglia la crosta lungo i bordi.
  13.  Taglia il dolce in triangolini o quadratini
  14. Spolvera il katakuriko su ogni lato dei mochi. Ogni pezzetto deve essere ricoperto di fecola di patate.
  15. Servili su un piatto accompagnati da tè matcha per una deliziosa merenda.

 

 

Mochi alla nutella

Ingredienti per 4:

mochi nutella

  • 100 g di farina di riso
  • 50 di zucchero a velo
  • 180 ml d’acqua.
  • amido di mais q.b.
  • nutella

Preparazione:

  1. Setacciate la farina di riso in una ciotola di vetro ed unitela allo zucchero in una ciotola, aggiungete gradualmente l’acqua e mescolate fino ad avere un impasto ben amalgamato.
  2. Coprite con della pellicola trasparente la ciotola, mettete nel microonde per 3 minuti a 600 watt. Spolverizzate un piano di lavoro con l’amido di mais e lavorate la pasta per mochi fino ad ottenere un panetto che sarà facile stendere con il mattarello. Stendete l’impasto spesso 1 cm e ricavatene dei quadrati delle stesse dimensioni.
  3. Formate delle palline d’impasto con ogni quadrato e successivamente stendetelo sul palmo della mano. Al centro depositate un cucchiaino di nutella fredda, richiudete i mochi attorno alla nutella facendo ben attenzione a chiudere ogni foro.
  4. Spolverizzate con pochissimo amido di mais e servite i vostri mochi alla nutella accompagnati da una tazza di tè verde.

Se li vuoi mangiare ma non cucinare CLICCA QUI

 

Mochi alla banana

Ingredienti

  • Farina Di Riso Glutinoso (Potete acquistarlo in un qualsiasi negozietto etnico) 100 g
  • Zucchero 160 g
  • Acqua 200 ml
  • Fecola Di Patate q.b.
  • Banana 1 e mezza

Preparazione

  1. Per prima cosa tagliate la banana a piccoli pezzettini.
  2. Mescolate la farina e lo zucchero in un pentolino, accendete il fornello e aggiungete subito l’acqua, mescolando affinché il liquido sia senza grumi e continuando a mescolare finché  non si addensa (come vedrete avrà una consistenza densa e molto appiccicosa).
  3. Dopo averlo fatto raffreddare un po’.
  4. Spianate sul banco la fecola di patate e andate ad appoggiare l’impasto.
  5. Spargetevi anche le mani di fecola (per evitare che l’impasto si attacchi alle dita)  e andate a formare delle palline, allargatele leggermente e al centro mettete la banana tagliata a pezzettini, richiudendo il tutto a mo’ di raviolo.
  6. Ponetele su un vassoio e mettetele in frigo per almeno tre ore prima di servire.

 

Ti insegno in chiamata un piatto giapponese GRATIS

 

Potrebbe interessarti anche…

Ricetta Dorayaki: Storia, varietà e preparazione

Ricetta Onigiri: Storia, Strumenti e Preparazione

Sushi: Storia, Ricetta, Varietà e preparazione

Ricetta Ramen: Storia e Varietà

Okonomiyaki: storia, varietà e ricetta

Ricetta Tempura: storia, consigli e preparazione