Pokémon tra anime, videogiochi, film e gadget

Pokémon tra anime, videogiochi, film e gadget

Novembre 8, 2019 Off Di Cristina Muggetti

Pokemon

Verso la fine degli anni 90 sono comparsi qui in Italia dei mostriciattoli chiamati Pokémon che hanno decisamente inciso sull’infanzia (alle volte non proprio infanzia) di milioni di bambini.

Pokémon viene creato da Satoshi Tajiri nel 1995 con la fondazione della “The Pokémon Company” e dei primi due videogiochi. Il successo ha portato poi alla creazione di altri videogiochi, manga, anime, film, gioco di carte collezionabili e merchandise di ogni tipo.

I pokémon, abbreviativo di Pocket Monster, sono mostriciattoli molto simili agli animali. Vengono riprodotte un po’ tutte le categorie di animale o essere mitologico e leggendario conosicuto.

Inizialmente esistevano 151 pokémon ma ormai, nel corso degli anni, siamo arrivati a oltre 800.

I videogiochi hanno venduto oltre 300 milioni di copie in tutto il mondo rendendo il titolo il secondo franchise videoludico più importante al mondo per volume di vendite dopo Super Mario.

 

 

Le Origini dei Pokémon

pokemon_rosso

I Pokémon sono originari del Giappone e nascono dalla mente di Satoshi Tajiri che ricorda quando da bambino amava andare a caccia di insetti, hobby molto diffuso tra i bambini giapponesi. Dopo aver fondato la Game Freak, e aver conosciuto il Game Boy elabora l’idea dei Pocket Monster.

La serie di videogiochi esce in Giappone nel 1996 con i primi due titoli per Game Boy “Pocket Monster Aka” e “Pocket Monster Midori”. Verranno distribuiti in occidente solo nel 1998 con i titoli “Pokèmon Rosso” e “Pokèmon Blu”.

L’aspetto che probabilmente ha permesso una diffusione così massiccia della serie è legato al fatto che durante i combattimenti i pokémon non sanguinano ne muoiono e quindi i videogiochi non risultano essere per nulla violenti.

Lo slogan della serie è “Acchiappali tutti!” “Gotta catch ’em all!”.

 

I videogiochi

Pokemon gameplay spada scudp

I videogiochi sono basati sulle sfide tra pokémon. Il giocatore impersona un ragazzo (o una ragazza) che vuole diventare maestro di Pokémon.

I primi titoli sono ambientati inizialmente a Biancavilla (Masara Town in giapponese). Il giocatore riceverà un pokémon dal Professor Oak a scelta tra Bulbasaur, Squirtle e Charmander e partirà alla ricerca attraverso varie città nella regione di Kanto per completare il Pokédex del Professore e per Acchiapparli tutti appunto. In questi primi 2 titoli sono presenti 151 pokémon.

Grazie al successo della serie animata viene poi pubblicato Pokémon Giallo. La particolarità di questo gioco è che, come nell’anime, il giocatore verrà seguito da Pikachu, che deve essere per forza scelto ad inizio avventura.

 

7 generazioni

Vengono poi prodotti più di 30 videogiochi quasi tutti RPG per console portatili con 2 o 3 titoli alla volta per ogni generazione.

1^ Generazione: Rosso, Blu (verde in Giappone) e Giallo.

2^ Generazione: Oro, Argento e Cristallo.

3^ Generazione: Rubino, Zaffiro e Smeraldo.

4^ Generazione: Diamante, Perla e Platino. Nello stesso anno escono anche i remake della prima generazione Rosso Fuoco e Verde Foglia.

Nel 2009 per l’anniversario dei 10 anni di Oro e Argento escono Heart Gold e Soul Silver.

5^ Generazione:  Versione Nera e Versione Bianca seguiti poi da Nero 2 e Bianco 2 usciti nel 2012.

6^ Generazione: X e Y per Nintendo 3DS. Sulla stessa console escono i remake di Rubino e Zaffiro col nome di Rubino Omega e Zaffiro Alpha.

7^ Generazione: Sole e Luna seguiti poi da Ultra Sole e Ultra Luna.

Nel 2016 esce anche Pokémon Go un videogioco per smartphone che permette di mettersi nei panni di un vero e proprio allenatore. Grazie all’utilizzo della realtà aumentata e alla geo localizzazione. I videogiochi per Nintendo Switch Let’s Go Pikachu! e Let’s Go Evee sono collegabili a Pokèmon Go.

Durante il gioco è anche possibile effettuare scambi tra giocatori. Inizialmente attraverso un cavo collegato ai due Game Boy interessati, Successivamente tramite wi-fi o wireless.

 

Pokémon Spada e scudo

pokemon-spada-scudo

I nuovi titoli usciranno per Nintendo Switch il 15 novembre 2019. Questa volta la storia è ambientata nella regione di Galar caratterizzata da terre selvagge che si estendono tra una città e l’altra. Le terre selvagge sono ricche di pokémon fortissimi e le condizioni atmosferiche non saranno sempre delle migliori.

Sarà possibile partecipare ai raid, catturare pokémon esclusivi della regione di Galar. Inoltre i Pokémon di questa regione sono molto soggetti ad un particolare tipo di Dynamax: il Gigamax.

I Pokémon con Gigamax diventano enormi e potentissimi e ognuno ha una sua mossa Gigamax esclusiva.

Spada e Scudo differiscono tra loro per i Pokémon che sarà possibile incontrare. Deino e Jangmo-o, ad esempio, compaiono solo in Pokémon Spada mentre Larvitar e Goomy si possono incontrare esclusivamente in Pokémon Scudo. Potrai incontrare Sirfetch’d in Pokémon Spada mentre il Ponyta di Galar in Pokémon Scudo. Inoltre in base al gioco incontrerai dei capi palestra differenti.

 

Come riceverlo il giorno dell’uscita a casa propria ed iniziare subito a giocare

Per quanto mi riguarda ho già preordinato il gioco non appena disponibile. Per ricevere il gioco il giorno dell’uscita devi preordinarlo entro il 13 novembre e scegliere GRATIS Standard su Amazon al momento del pagamento.

Se vuoi preordinare Pokémon Spada Clicca Qui.

Per Pokémon Scudo Clicca Qui.

La consegna il giorno stesso dell’uscita è gratuita per i clienti Amazon Prime e costa 3€ per chi non è cliente.

Puoi iscriverti gratuitamente il primo mese ad Amazon Prime ed usufruire della consegna il giorno dell’uscita gratuitamente. Per iscriverti ora clicca qui.

 

 

 

Anime

ash e pikachu

L’anime è diviso in 22 stagioni, ognuna composta da un numero di episodi che varia da 34 a 83 (di cui 4 composte da esattamente 52 episodi). La ventiduesima stagione è trasmessa a partire dal 2019 in Italia. Oltre alla suddivisione in stagioni, si può fare una divisione in sei serie dell’anime. Ogni serie comprende i Pokémon della generazione omonima.

Nell’anime Ash Ketchum (Satoshi in Giappone) è un ragazzino che vuole diventare maestro di Pokémon. Nel primo episodio Ash arriva tardi all’appuntamento con il Professor Oak per la consegna del suo primo Pokémon che avviene a 11 anni. Gli starter sono finiti e così Ash si trova costretto a prendere Pikachu. Inizialmente Pikachu non vuole stare con Ash, lo fulmina molto spesso e non vuole stare nella pokéball. Durante la serie però i due diventano amici per la pelle.

Le stagioni di Pokémon sono disponibili su Prime Video. L’abbonamento è gratuito insieme ad Amazon Prime il servizio che permette di avere le spedizioni incluse sulla maggior parte dei prodotti Amazon.

La registrazione al primo mese è gratuita sia per Amazon Prime che per Prime Video ed è possibile iscriversi semplicemente disponendo di un account Amazon. Dopo il primo mese il rinnovo verrà effettuato automaticamente  per l’anno successivo a 36 €.

Per iscriverti ad Amazon Prime Clicca Qui

Per iscriverti a Prime Video Clicca Qui

 

Anime e videogioco a confronto

scelta nome ash

Si nota subito che l’anime cerca di ricalcare il videogioco. Nei primi episodi i titoli sono seguiti da una freccia che punta verso il basso che assomiglia molto allo scorrimento del testo dei videogiochi. Lo stesso si può notare anche alla fine dell’episodio prima della scritta “To be continued…” in questo caso mantenuta fino alla 5^ stagione, indica probabilmente i tasti direzionali del Game Boy.

All’inizio della prima puntata si vede uno scontro tra Pokémon proprio in stile videogioco. Inoltre la scelta dei nomi dei personaggi non è dettata dal caso, i nomi Ash e Gary sono disponibili per la scelta del nome del giocatore.

I luoghi, gli oggetti, i pokémon e i mondi sono praticamente uguali sia nell’anime che nei videogiochi. L’anime ha decisamente un carattere più comico e le lotte sono meno studiate. Spesso gli allenatori non tengono conto delle statistiche e dei tipi di Pokémon durante gli scontri. Un po’ per questo motivo l’anime è stato etichettato come programma per bambini.

 

Film Pokémon

ash e pikachu

Dopo un anno dall’uscita del primo episodio dell’anime e visto il successo ottenuto uscì il primo film nelle sale giapponesi dal titolo “Pokémon Il Film – Mewtwo colpisce ancora”. Da quel momento ogni anno esce un film nelle sale cinematografiche.

In Italia Alcuni film sono stati proiettati nelle sale. Ad esempio mi ricordo quando uscì il primo e fece un successo strepitoso anche in Italia. Altri vennero distribuiti in videocassetta o DVD.

Pokémon ha ottenuto anche una trasposizione live-action, intitolata Pokémon: Detective Pikachu ed ispirato all’omonimo gioco per Nintendo 3DS: tale film è stato realizzato per opera di Warner Bros. e Legendary, che ne hanno ottenuto i diritti proprio da The Pokémon Company. Il film è uscito nelle sale statunitensi nel maggio 2019.

 

Il Gioco di Carte Collezionabili Pokémon

Pokemon torneo

Nel 1998 la Wizard Of the Coast, già nota  come editrice del gioco di carte collezionabili “Magic: l’Adunanza” acquisisce i diritti dalla Nintendo per pubblicare in Nord America, Europa e Medio Oriente un gioco di carte basato sui Pokémon.

Il gioco ebbe successo e così uscì un videogioco omonimo già nello stesso anno. Nel 1999 la Hasbro acquisì la Wizard of the Coast però nel 2003 la Nintendo no nrinnovò la licenza e pubblicò in proprio il gioco.

In Italia Nexus pubblica le carte e nell’autunno del 2004 il gioco passa a 25 Edition.

Il Pokémon Trading Card Game è diffuso in 74 nazioni e tradotto in 11 lingue. Ed esistono moltissime possibilità di gioco come ad esempio i tornei nazionali e mondiali e anche la possibilità di giocare online attraverso il software “Pokèmon Online”.

 

Gadget e Merchandise

Da quando i sono usciti l’invasione di gadget e ogni tipo di merchandise è stata immediata. Qui in Italia abbiamo iniziato a vedere Pikachu ovunque, il topino elettrico ci compariva anche in sogno.

Ora prova a pensare a cosa potesse succedere in quel momento in Giappone.

In Giappone sono stati aperti più di 10 Pokémon Center che vendono ogni tipo di gadget. Pupazzi, zaini, borse, bento per il pranzo, action figure, piatti, bicchieri, tazze, portachiavi, accessori per lo smartphone, magliette, felpe, calze e persino mutande.

Insomma ormai è veramente difficile non avere almeno un gadget di Pokémon nella propria casa. 😀

Ovviamente qualsiasi tipo di gadget è acquistabile online, non per forza bisogna andare in un Pokémon Center in Giappone. Anche se in questi luoghi misteriosi sono presenti di sicuro gadget esclusivi.

 

 

Altro dal mio sito

Migliori videogiochi anime e manga in uscita nel 2019

I Migliori Videogiochi Anime e Manga del 2018

Odaiba, l’isola artificiale di Tokyo

Giochi giapponesi tradizionali e dell’antichità

Divertimento in Giappone: videogames e cosplay

Akihabara un quartiere da otaku

Pokèmon Leggendari da acchiappare su Nintendo 3ds

Retrogames ad Akihabara: Super Potato

Anime e Manga usati? la soluzione è Mandarake

I 10 migliori film d’animazione non Ghibli

Film Studio Ghibli – Prima Parte