Quartieri di Tokyo descritti in breve

Quartieri di Tokyo descritti in breve

21 Marzo, 2019 Off Di Cristina Muggetti

Spesso mi viene chiesto quali siano i quartieri principali di Tokyo. Così ho deciso di scrivere un articolo in cui li racchiudo tutti. In questo modo chiunque voglia qualche notizia in generale dei vari quartieri di Tokyo può semplicemente leggere questa pagina e farsi un’idea. Sto scrivendo anche degli articoli approfonditi. Metto i link degli approfondimenti alla fine del paragrafo di ogni quartiere.

Shibuya

Tokyo in 5 gironi HachikoShibuya è forse il più animato tra i quartieri di Tokyo. Frequentato sia dai turisti che dai giapponesi. Principalmente nel week end potrete trovare un fiume di gente che percorre le vie di questo quartiere che quando fa buio sono illuminate da numerosi maxi schermi.
Oltre ai numerosi negozi e centri commerciali che vendono qualsiasi cosa (abbigliamento, prodotti per la cura personale, cose per la casa, manga ecc.) i principali punti di interesse sono di fronte alla stazione dove possiamo trovare la statua del cane Hachiko, spesso utilizzato come punto di ritrovo dai ragazzi, e lo Shibuya crossing che è l’incrocio più trafficato al mondo.

Per lo shopping consiglio il grande magazzino “Shibuya 109” (abbigliamento femminile), il centro commerciale “Parco”, “Mandarake” (per gli otaku) che si trova al piano interrato del palazzo “Shibuya Beam” , “Daiso” (tutto a 100 yen) e “tokyu Hands” che è un grande magazzino su più piani che vende ogni genere di prodotto; in ogni piano si trova una mappa per non perdersi e sulle scale sono indicate le calorie bruciate per ogni gradino.

Trovi approfondimenti su Shibuya QUI

 

Harajuku

Moda Giapponese Harajuku StyleHarajuku si trova a nord della stazione di Shibuya. Tra i quartieri di Tokyo è di riferimento per la moda giovanile più “estrema” come ad esempio ganguro e cosplay.
Nei pressi della stazione possiamo trovare Takeshita Dori che è una via lunga circa 400 metri in cui possiamo trovare molti negozi che vendono abiti e accessori per la personalizzazione degli stili giovanili più particolari e le coloratissime crepes!

Omotesando è invece un grande viale alberato dove si possono trovare negozi di grandi marche come Vuitton e Prada. In questa via si trova il centro commerciale “Omotesando Hills”, l'”oriental bazar” (souvenir) e “Kiddy Land” (negozio di giocattoli).
Vicino alla stazione troviamo il parco Yoyogi dove, nel week end, si possono trovare ragazze in cosplay o in stile Gothic Lolita, band musicali ecc. e il santuario shintoista Meji Jingu, molto gettonato per la celebrazione di matrimoni in stile tradizionale.

Trovi l’articolo su Harajuku QUI

La Moda Giovanile Giapponese

Noi italiani potremmo definire la moda giapponese piuttosto “Bizzarra”. Una particolarità che distingue i giapponesi da noi occidentali è il fatto che non ci sono pregiudizi legati allo stile che ogni persona vuole seguire: se una ragazza vuole uscire in cosplay in Giappone nessuno la guarderà storto. Pensate invece di uscire vestite da Sailor Moon in Italia quanti sguardi straniti attirereste. Questo è uno dei motivi per cui ha assunto delle caratteristiche un po’ particolari.

A tal proposito lo stile di abbigliamento che possiamo trovare ad Harajuku è quello che si addice di più a questa descrizione. Harajuku è un quartiere che si trova vicino a Shibuya e, per la sua vivacità, viene definito il quartiere delle mode e tendenze giovanili.
Il motivo del grande afflusso di persone in questo quartiere è dovuto al fatto che vi si trovano due vie commerciali molto famose: Takeshita Dori, dedicata ai giovani con tanti negozietti e curiosità e Omotesando, grande viale in cui possiamo trovare boutique importanti come Prada e Tod’s.

Lo stile di Harajuku arriva dalla strada e consiste nell’unire mode occidentali ed orientali. L’Harajuku style è molto variopinto infatti se avrete la fortuna di poterlo ammirare dal vivo vi assicuro che il vostro pensiero verrà rimandato immancabilmente ai manga giapponesi. Questa moda giapponese nacque quando un gruppo di giovani ragazze provò ad unire vestiti tradizionali (kimono e zoccoli) con capi ed accessori rock, gotico e punk così da creare uno stile tradizionale ed innovativo al tempo stesso.

Roppongi

Roppongi si distingue dai quartieri di Tokyo per essere dedicato alla vita notturna infatti è ricco di discoteche e locali come ad esempio il Feria, un locale di ben 5 piani o il Pasela che è un karaoke che offre stanze carine e buon cibo.

Grandioso punto di interesse è la Roppongi Hills, un complesso di edifici nel quale il più alto è la Mori Tower con i suoi 54 piani. Roppongi Hills è definita da molti città nella città in quanto il suo creatore Minoru Mori voleva mettere a disposizione degli abitanti tutti i servizi di cui avessero bisogno senza perdere tempo infatti in questi edifici possiamo trovare ristoranti, negozi, hotel, supermercati, il national art center, un’osservatorio e anche gli uffici della ferari, della TV Asahi e di Yahoo.
All’entrata della Mori Tower troverete Maman ad accogliervi, è una scultura in bronzo e acciaio che rappresenta un ragno gigante. L’ideatore Bourgeois ha costruito questa opera paragonando il ragno a sua madre: intelligente e protettiva.

Shinjuku

Shinjuku è uno dei più affollati quartieri di Tokyo. Sulle tre linee della metro, due linee private, e della JR transitano circa 3,6 milioni di persone al giorno. Nella zona est si possono trovare moltissimi centri commerciali, cinema, hotel, bar e qualsiasi tipo di servizio.

La zona ovest è la parte più residenziale.
Vicino alla Kabuchi-cho (quartier gestito dalla Yakuza) potrete trovare una zona con moltissimi ristorantini piccolissimi e molto intimi chiamata Golden Gai in cui è impossibile non socializzare con qualcuno dei commensali.
Se ami la vita notturna Shinjuku è un ottimo quartiere in cui dormire.

Trovi approfondimenti su Shinjuku QUI

 

Ikebukuro

ikebukuroIkebukuro è uno dei quartier commerciale più influenti di Tokyo battuto solo da Shibuya e Shinjuku.
Il cuore del quartiere risulta essere la stazione, seconda per affollamento solo a quella di Shinjuku, i cui binari dividono il quartiere in due parti: est e ovest.

La parte più movimentata è di sicuro quella est dove possiamo trovare due enormi negozi di elettronica, uno accanto all’altro, Bic Camera e Yamada Denki (LABI), i grandi magazzini Seibu, Parco(prevalentemente moda) e Loft (oggettistica varia da regalo o arredamento), ma anche la Sunshine City e Otome Road.
Otome Road viene descritta come “Akihabara per ragazze” perché i negozi propongono specialmente manga yaoi e simili . Questo quartiere ha visto l’apertura dei primi “butler cafè” (maid cafè per ragazze), dove troverai maggiordomi tenebrosi e galanti al posto delle solite Maid.

A tutte le ragazze! Questo fumetto mi sembra molto interessante: QUI

Nakano

Otaku Mandarake NakanoAl termine di una via coperta si trova la Nakano Broadway. Qui molti otaku vengono a fare shopping riuscendo spesso a fare buonissimi affari. E’ infatti uno dei quartieri di Tokyo dedicati agli otaku.
Si possono trovare negozi che vendono di tutto: manga, action figure, accessori per il cosplay, modellini, giocattoli ecc.qualche volta lo spazio tra gli scaffali è veramente poco tanto che, se avete uno zaino sulle spalle dovrete toglierlo per poter entrare.

E’ interamente al coperto e quindi è la meta ideale per un otaku in una giornata di pioggia.🌧
Consiglio anche di fermarvi a gustare un ottimo ramen lungo la via coperta in un piccolo ristorante che si trova di fronte a Uniqlo, fa angolo con la prima via che si trova partendo dalla stazione.

 

 

Akihabara

Otaku Akiba con strada chiusaAkihabara è il quartiere dell’elettronica e degli anime, manga e videogiochi nonchè uno dei quartieri di Tokyo che preferisco.
Yodobashi Camera è un centro commerciale enorme interamente dedicato all’elettronica ubicato dalla parte opposta dell’electric town, dove potete trovare fotocamere, elettrodomestici, musica, videogiochi, ecc. all’ultimo piano sono presenti numerosi ristoranti.

Per quanto riguarda lo shopping otaku Akihabara è sicuramente il quartiere più fornito. I negozi che vi consiglio sono: Radio Kaikan (9 piani in cui troverete di tutto), Mandarake (anime e manga usati), Animate, Tsukumo Rokot Kingdom (modellini di robot), Super Potato (videogames retro), Liberty (Action figure) e vi consiglio anche, per quanto riguarda le action figure, di fare un giro nei negozi con i cubi di plexiglass perchè potreste trovare usato in buone condizioni a prezzi vantaggiosi.
Inoltre ad Akiba possiamo trovare anche un Don Quijote che è un negozio di vari piani che vende un pò di tutto ed enormi sale giochi come il club Sega e la Taito Station.
Questo è il quartiere degli otaku quindi non possono mancare i Maid Cafè (locali in cui verrete serviti da cameriere carine), il Gundam Cafè e l’AKB48 Cafè oltre a vari caffè con gatti e gufi.

Questi locali e molti altri li trovi nella mia Guida. QUI

Trovi approfondimenti su Akihabara QUI

 

 

Ginza

quartieri Tokyo GinzaGinza è per la moda, la ristorazione e l’intrattenimento, il più famoso tra i quartieri di Tokyo. Grazie alla presenza di numerosi grandi magazzini, boutique, gallerie d’arte, ristoranti, locali notturni e caffè.
Un metro quadrato di terreno nel centro del distretto vale più di dieci milioni di yen, rendendolo uno degli immobili più costosi del Giappone.
È qui che puoi trovare le famigerate tazze da caffè da $ 10 e dove praticamente ogni marchio leader nel settore della moda e dei cosmetici è presente.

Asakusa

AsakusaAsakusa è il più antico tra i quartieri di Tokyo. Superata la prima porta d’ingresso detta Kaminarimon si prosegue lungo la Nakamise Dori, una via lunga 250 mt. in cui si possono acquistare un sacco di souvenir e prodotti tipici, per arrivare poi al tempio Sensoji.
Questo tempio è il più famoso e popolare di Tokyo.
Da questo quartiere si può vedere in lontananza anche la Sky Tree.
Quando andrete ad Asakusa vi consiglio di provare il melonpan di Kagetsudo Honten, considerato il migliore di Tokyo.

Trovi l’articolo su Asakusa QUI

 

Ueno

quartieri Tokyo UenoTra i quartieri di Tokyo è forse il più tranquillo però si anima con la fioritura dei ciliegi! Il parco di Ueno è un enorme parco pubblico ed è sede di musei e templi.
Durante l’Hanami (fioritura dei ciliegi) il parco si riempie di gente che fa pic-nic (il posto va prenotato).
Vicino possiamo trovare il santuario di Inari contenente molte statue di volpe di colore rosso, un campo da baseball e, oltre al primo museo d’arte del Giappone il parco contiene anche il primo zoo famoso perchè vi risiedono esemplari di panda gigante.

Lo zoo di Ueno è conosciuto soprattutto per la presenza di una coppia di panda giganti ma ospita ben 3000 animali provenienti da 400 specie diverse.
Potrete trovare pipistrelli, rane, coccodrilli, tartarughe, rinoceronti, pinguini, pellicani, l’orso bianco, gorilla e anche il panda rosso.
E’ lo zoo più antico e più grande del Giappone e per visitarlo consiglio di prendersi una mezza giornata di tempo.
Lo zoo si divide in due parti: la parte est e la parte ovest, l’entrata della parte est è raggiungibile in 10 minuti a piedi dalla stazione JR di Ueno. Le due sezioni sono collegate da un trenino sopraelevato il cui costo è di 150 yen.

Odaiba

Odaiba è un’isola interamente artificiale in cui concedersi uno stacco dal caos della città. Potrete  arrivarci in treno scendendo alla stazione di Shimbashi e prendendo lo Yurikamome una monorotaia guidata dai computer che vi porterà in circa 15-20 min nel vivo dell’isola. In questo caso scendete a Daiba e vi troverete vicino al centro commerciale Aqua City in cui ci sono un paio di ristorantini interessanti. Kokugikan che propone ramen da diverse parti del Giappone e un kaiten sushi che da la possibilità di ordinare dal tavolo tramite tablet e ricevere il sushi da un trenino che arriva direttamente dalle cucine.

Gundam Unicorn Odaiba Cristina MuggettiDopo pranzo fate una foto con la riproduzione della statua della libertà e con il Raibow Bridge alle spalle, Odaiba offre un ambiente molto rilassante. Potete poi dirigervi verso la statua a grandezza naturale del Gundam RX Unicorn e fare una foto. Sotto alla statua ci sono gli orari in cui il Gundam fa un piccolo spettacolo di luci e suoni e cambia leggermente la sua conformazione.

Dietro alla statua c’è il Gundam Cafè in cui fare shopping a tema e il centro commerciale Diver City. Continuando sul viale troviamo poi Palette Town in cui sorge la ruota panoramica e vari centri commerciali come Venus Fort. Questo è stato costruito in modo da sembrare di star passeggiando nelle vie italiane, c’è anche una piazza con una bella fontana con cui scattarsi una foto. Proprio davanti a Palette Town c’è l’ingresso allo Yurikamome scendete a Shiodome dove, a pochi passi, trovate il famoso orologio di Miyazaki che suona pochi minuti prima di alcni orari prestabiliti (alle 10:00, 12:00, 15:00, 18:00, 20:00).

 

 

 

Potrebbe interessarti anche…

5 giorni a Tokyo, itinerario di viaggio

Akihabara un quartiere da otaku

In Giappone tra educazione, cibo e tecnologia

Shibuya, il quartiere dei giovani

Libri sul Giappone per organizzare un viaggio