Taiyaki, il dolcetto giapponese a forma di pesce

Taiyaki, il dolcetto giapponese a forma di pesce

Aprile 5, 2019 Off Di Cristina Muggetti

taiyakiIl taiyaki è una tortina giapponese a forma di pesce. Il suo ripieno più comune è l’anko, una pasta fatta di fagioli azuki zuccherati, ma altri ripieni possono essere crema, cioccolato, o formaggio. Alcuni negozi vendono il taiyaki con okonomiyaki, ripieno gyoza, o con una salsiccia dentro. Il taiyaki viene preparato utilizzando il regolare impasto dei pancakeo dei waffel. L’impasto viene versato nelle due parti dello stampo a forma di pesce, mentre il ripieno in una sola parte. Dopo di che lo stampo viene chiuso e cotto in tutti e due lati fino alla doratura del taiyaki.

A proposito di piastra: ne esiste una specifica, caratterizzata da due stampi uguali per cuocere contemporaneamente le due metà di questa orata così speciale. La si trova facilmente sui siti di e-commerce (che in realtà vendono anche bustine di dolcetti già pronti ma una certa diffidenza nasce spontanea), ma ci si può pure accontentare di normali stampi per biscotti. Purché siano a forma di pesce, appunto.

Il taiyaki fu per la prima volta cucinato nel ristorante “Naniwaya in Azabu” , a Tokyo nel 1909, e adesso può essere trovato in tutto il Giappone specialmente nei supermercati e nelle fiere giapponesi (  “matsuri”).

Il taiyaki è molto simile all’imagawayaki, che sono spesse tortine rotonde ripiene con fagioli dolci azuki o crema.

 

Per prepararli a casa hai bisogno la piastra apposita, eccola QUI

L’Imagawayaki

L'ImagawayakiL’Imagawayaki è un dessert giapponese. Si trova spesso in vendita nei banchi dei matsuri ed è consumato abitualmente anche a Taiwan. Viene preparato mettendo della pastella in una particolare padella — simile alla piastra per la preparazione dei waffle — e farcito con anko secondo la ricetta tradizionale. Con il tempo si sono diffuse molte varianti che prevedono un’ampia varietà di ripieni: crema alla vaniglia, creme e confetture di frutta, curry, carne, verdura, patate e maionese.

Gli imagawayaki sono simili ai dorayaki, ma questi ultimi sono composti da due pancake tra i quali viene inserito il ripieno dopo la cottura e spesso vengono serviti freddi.

Questi dolci furono venduti per la prima volta nei pressi del ponte Imagawabashi a Kanda nell’era An’ei (anni 1772 – 1781) del periodo Edo; il nome imagawayaki per indicare i dolci nasce in questa occasione.

 

Uno degli street food dolci più consumati in Giappone

taiyaki-1Secondo la leggenda, il Taiyaki fu preparato per la prima volta nel lontano 1909, nel ristorante “Naniwaya in Azabu” di Tokyo. Il successo fu immediato e da allora questo curioso dolce a forma di pesce è diventato uno dei simboli del Giappone.

Non si conosce precisamente la storia di questa specialità, né il motivo per cui qualcuno decise di inventarsi un prodotto dolciario a forma di pesce. Una cosa è certa: si tratta di uno snack assolutamente da provare se visitate il Giappone.

Costa circa due euro e si trova ovunque, dai ristoranti alle bancarelle dello street food fino ai food court dei centri commerciali. Non fatevi ingannare dalla sua forma, né dal nome (“taiyaki” significa letteralmente “orata al forno“), perché il Taiyaki è a tutti gli effetti un dolce che vi sbalordirà con un gusto totalmente inaspettato.

 

Varietà

con gelatoL’impasto utilizzato nei Taiyaki è simile a quello dei waffles. Spesso è proprio lo stesso, ma ciò che cambia radicalmente è il ripieno: ogni Taiyaki è farcito in maniera differente.

La variante più comune è anche la più amata dai giapponesi: quella con l’anko, una pasta zuccherata a base di fagioli Azuki.

Talvolta hanno un’apertura dove ci dovrebbe essere la bocca del pesce per inserire del gelato.

Ma i modi di riempire i Taiyaki sono pressoché infiniti: si va dalla salsiccia al formaggio al cioccolato. Ci sono varianti a base di carne e altre completamente vegetali. Le più consumate sono però quelle dolci.

Trovi la marmellata di azuki QUI

 

Ricetta Taiyaki dolci

Ingredienti per 4-6 taiyaki

  • 150gr di farina
  • 100ml di acqua
  • 30gr di zucchero
  • 3 uova
  • un pizzico di sale
  • ripieni a scelta (azuki, Nutella, ecc)

Preparazione

  1. Iniziate sbattendo le uova con lo zucchero, una volta ottenuta una cremina omogenea unite la farina e il pizzico di sale e mischiate nuovamente.
  2. Una volta formato un composto abbastanza denso iniziate ad aggiungere l’acqua e mescolate, dovete riuscire ad ottenere una pastella non troppo liquida, ma che comunque possa essere versata nello stampino (o chi per lui).
  3. A questo punto, se avete la piastra per taiyaki (ne potete comprare una su Amazon ma preparatevi a spendere circa 40€, oppure potete prenderla come souvenir durante un viaggio in Giappone come abbiamo fatto noi) è il momento di ungerla leggermente e scaldarla sul fuoco, se invece volete usare una formina per biscotti vi limiterete a versarci il preparato e poi ad infornare per qualche minuto a 120°.
  4. Una volta scaldata la piastra, versate parte del preparato in entrambi i lati della formina a pesce, aspettate circa un minuto perchè si solidifichi un po e poi riempite il taiyaki del vostro ingrediente preferito, ad esempio con la Nutella escono buonissimi!
  5. Dopo aver messo il ripieno, tappate eventuali parti rimaste vuote con un altro po di preparato e poi chiudete la piastra ed aspettate qualche minuto, solitamente tra i 3 e i 5 in base alla grandezza del fornello, dopodichè apritela, verificate la cottura e se fuori è dorato al punto giusto potete rimuoverlo e gustare il vostro taiyaki (ma aspettate che si raffreddi un pochino prima di addentarlo!)

Ricetta Taiyaki salati

Ingredienti

  • Pasta fresca di salame
  • farina gr 230
  • lievito per pizze 1 cucchiaino
  • albumi 2
  • tuorli 2
  • sale mezzo cucchiaino
  • latte gr 230
  • olio di semi 100 gr

Preparazione

  1. Bisogna montare gli albumi a neve e metterli da parte.
  2. Poi mescolare la farina con il lievito e il sale, aggiungere un tuorlo alla volta, poi il latte e l’olio e mescolare bene.
  3. Per ultimo aggiungere gli albumi a neve.
  4. Disporre un po’ di pastella nello stampo, mettere sopra un po’ di pasta di salame e aggiungere la pastella necessaria per completare il pescetto.
  5. Cuocere nello stampo per qualche minuto.
  6. A questa ricetta base si possono aggiungere altre cose: pancetta tritata o formaggio grattugiato sopra ognuno prima di cuocerli.

 

 

Potrebbe interessarti anche…

Tonkatsu, la cotoletta giapponese

Dango: un dolcissimo dessert giapponese

Mochi. Storia, ricetta e preparazione

Sukiyaki e Shabu Shabu. Storia, varietà e preparazione

Ricetta Dorayaki: Storia, varietà e preparazione